VeraTV

Proseguono le ricerche delle gemelline scomparse

Proseguono le ricerche delle gemelline scomparse
maggio 05
11:03 2011

Dopo aver archiviato anche le ricerche sul lago di Ginevra, le ricerche delle sorelline scomparse sono state giudicate infruttuose e difficilmente proseguiranno ad oltranza.
In questi giorni è stata setacciata in lungo e in largo la zona di Boiron, alla ricerca di un indizio, di un frammento, che potesse in qualche modo regalare ancora un minimo di speranza.
Il Nulla, purtroppo, che fa oramai presagire alla bandiera bianca.
Alessia e Livia Schepp, sembrano essere davvero scomparse all’interno di un buco nero inavvicinabile, anzi, non raggiungibile, ingoiate da un mistero fitto fitto, come le campagne in cui ci si è rifugiati in tutto questo tempo per le indagini.
Nemmeno le ricerche subacquee hanno portato a qualcosa, ricerche che sono state attivate a seguito di una testimonianza di un uomo che aveva assicurato di aver visto Matthias Schepp, padre suicida di Alessia e Livia, trascinare una pesante valigia nera proprio nei pressi del Lago di Ginevra.
Anche gli esami effettuati sulla microcassetta ritrovata vicino ai binari di Cerignola – dove Matthias Schepp si è tolto la vita il 3 febbraio, tre giorni dopo aver “rapito” le sue figliolette – non ha purtroppo prodotto i risultati sperati.
Inutile dire che gli inquirenti hanno ormai perso qualsiasi tipo di speranza, mentre l’unica a continuare a sperare è la madre di Alessia e Livia, Irina Lucidi, ascolana originaria di Venarotta, che anche nei giorni scorsi ha lanciato un appello agli inquirenti perché lascino da parte le piste finora seguite, per scovare magari nuovi particolari che possano essere utili al ritrovamento delle sue amatissime figlie.

Condividi su:
Proseguono le ricerche delle gemelline scomparse - panoramica

Sintesi: Bloccatissime le indagini relative alla scomparsa delle piccole sorelline svizzere, Alessia e Livia Schepp.

Articoli simili

Banner 300×250 Zibaldo.it
Nepi banner 300×90
pubblicità