VeraTV

Tregua Lega-Pdl: ‘Ora vincere i ballottaggi’.

Tregua Lega-Pdl: ‘Ora vincere i ballottaggi’.
maggio 17
20:37 2011

E’ Milano la principale sorpresa del primo turno delle elezioni amministrative, con il candidato del centrosinistra Giuliano Pisapia che va al ballottaggio con il 48% dei consensi contro Letizia Moratti al 41,6%. In forte calo i voti del Pdl (28,7%) e le preferenze per il premier, dimezzate rispetto a quelle del 2006. A Torino è sindaco Pietro Fassino con il 56,7% dei voti. Bologna resta al centrosinistra con Virginio Merola al 50,5% e un exploit del Movimento 5 stelle di Beppe grillo al 9,5%. A Napoli sfida tra il candidato del Pdl Gianni Lettieri e quello dell’Idv Luigi De Magistris; fuori dal ballottaggio il Pd.

Oggi si attendono i commenti ufficiali del premier dopo il calo dei consensi registrato dal Pdl e dalla Lega in primis a Milano, ma sono già numerosi i commenti sulla prima tornata delle amministrative. “Segnale molto forte, ma il ballottaggio è fase nuova”, dobbiamo tornare a parlare delle cose concrete”, ha detto ieri Letizia Moratti. A concentrarsi su una campagna elettorale “moderata” e “abbassare i toni”, invita il leghista
Matteo Salvini. Il Pdl non è decollato è necessario “rimboccarsi le maniche”,per riprendere “il percorso immaginato da Berlusconi quando dal predellino lanciò il Pdl”, dice Claudio Scajola. “Si può dire che ha vinto l’Ulivo…”, commenta l’ex premier Romano Prodi che invita ad evitare alleanze spurie o strane. D’accordo il sindaco di Firenze Renzi che afferma: “Bersani rafforzato, ora evitare le ammucchiate anti-Cavaliere,
la rincorsa al Terzo Polo e a Bossi”.

Condividi su:
Tregua Lega-Pdl: ‘Ora vincere i ballottaggi’. - panoramica

Sintesi: Bersani: 'Risolvano problemi oppure a casa'
Calderoli: 'Tutta la Lega impegnata per vincere'. Grillo non si allea: 'Abbiamo messo in crisi la politica'. Premier dimezza le sue preferenze. Verdini: 'A parte Milano, pareggio'

Articoli simili

Zibaldo 2banner 300×250
Banner 300×250 Zibaldo.it
TERCAS banner 300×90
pubblicità