VeraTV

Italia – Al sud sviluppo senza occupazione

Italia – Al sud sviluppo senza occupazione
maggio 30
13:17 2011

In 150 anni il Pil del Mezzogiorno, a prezzi costanti, è cresciuto di 18 volte, anche grazie agli interventi degli anni ’60. Ma e’ aumentato anche il divario con il Centro-Nord, soprattutto a causa della carenza di occupazione: mentre nel 1951 il tasso di occupazione al Sud era pari all’81% del Centro-Nord, nel 2009 era sceso al 68,9%. Dopo 150 anni, dal punto di vista economico, l’Italia rimane dunque un paese spaccato in due. E’ quanto emerge dal volume “150 anni di statistiche italiane: Nord e Sud 1861-2011”, edito da Il Mulino e presentato oggi alla Camera dalla Svimez (associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno). Nel 1861 il Pil del Sud e del Centro-Nord erano simili, cioé pari a 100 per entrambi, nel 2009 quello del Sud risultava pari solo al 59% del Centro-Nord; invece, tra il 1952 il 1973, i Pil pro capite erano cresciuti in modo quasi simile: del 4,6% l’anno nel Mezzogiorno, del 4,8% nel Centro-Nord. Un “contributo fondamentale allo sviluppo del Sud è stato svolto dagli investimenti industriali statali, cresciuti dal 1952 al 1973 del 7,9% contro il 6,3% del Centro-Nord” e dalle grandi aziende (“dal 1951 al 1981 al Sud il numero medio di addetti è cresciuto di oltre 4 volte, passando da 11,6 a 48,7, mentre al Centro-Nord è sceso dai 69,6 ai 52,4”). Secondo le statistiche, “dietro questi numeri c’é l’operato della Cassa per il Mezzogiorno”. E mentre si creavano questi posti di lavoro, dal 1951 al 1974 dal Sud migravano 4,2 milioni di cittadini, attenuando in questo modo gli squilibri di mercato.

Condividi su:
Italia – Al sud sviluppo senza occupazione - panoramica

Sintesi: E' quanto emerge dal volume "150 anni di statistiche italiane: Nord e Sud 1861-2011"

Articoli simili

Zibaldo 2banner 300×250
Banner 300×250 Zibaldo.it
TERCAS banner 300×90
pubblicità