VeraTV

Calcio scommesse – Secondo il Gip esisteva un tariffario delle partite

Calcio scommesse – Secondo il Gip esisteva un tariffario delle partite
giugno 01
16:25 2011

“Il 24 marzo , uno degli indagati – scrive il gip – afferma al telefono che i prezzi “sono alti” e che “la B in giro la pagano 120 la C la pagano 60”. “Che si tratti di un riferimento alla corruzione appare pacifico – annota il giudice – in quanto subito dopo l’indagato afferma agli Zingari (uno dei gruppi di scommettitori ndr.) facciamo pagare il Sassuolo”, ed è “evidente che gli Zingari”, secondo il gip, ” intendevano andare nell’albergo ove era ospitato il calciatore del Sassuolo Quadrini Daniele con i suoi compagni, per pagare il prezzo della loro corruzione”. “Sia la frequenza delle manipolazioni, sia l’attitudine del gruppo ad occuparsi di tutte le serie di calcio, è indice di una spiccata capacità a delinquere del sodalizio. – scrive il gip – L’abitudine alla ‘combine’ e il poter disporre di giocatori fissi sui quali contare, lo evidenzia la stessa terminologia ricorrente tra i compartecipi : quando parlano del numero dei giocatori corrotti, che influiranno sul risultato della partita, gli stessi vengono definiti ‘nostri’, quasi come fossero un supporto stabile, un bene dell’organizzazione”.

Condividi su:
Calcio scommesse – Secondo il Gip esisteva un tariffario delle partite - panoramica

Sintesi: Secondo il gip di Cremona, Guido Salvini, dalle intercettazioni nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte partite di calcio truccate "emerge l'esistenza di una sorta di tariffario di massima per la compera delle partite"

Articoli simili

Banner 300×250 Zibaldo.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

Nepi banner 300×90
pubblicità