VeraTV

Unioncamere – L’Italia riparte, tornano le assunzioni al sud

Unioncamere – L’Italia riparte, tornano le assunzioni al sud
giugno 08
17:05 2011

“L’Italia sta ripartendo”. Ma “soffre di divari territoriali intollerabili”. Il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, traccia così la “fotografia” dell’Italia che emerge dai dati presentati all’assemblea annuale dei presidenti delle Camere di Commercio. “Aumenta la ricchezza prodotta dagli italiani”, con 570 euro in più in media a persona secondo le attese per il 2011, ma “le diverse velocità delle province non riusciranno nemmeno quest’anno a modificare nella sostanza il forte divario che esiste tra Centro e Nord”. Mentre sul fronte del Lavoro non mancano “segnali di miglioramento”, anche nel Mezzogiorno: “Il Sud torna ad assumere”. Dardanello invoca misure per “facilitare la vita delle imprese”, perché il Paese “riprenda pienamente il suo percorso di crescita”. La mappa delle stime sulla ricchezza che verrà prodotta dagli italiani nel 2011 per ogni provincia segna in media positivi rialzi ma in un Paese ancora a due velocità. “Considerando pari a 100 il valore aggiunto per abitante previsto a livello nazionale per il 2011 – spiega il rapporto – il Nord-Ovest registrerà 120,2, il Nord-Est 119, il Centro 111,7, il Mezzogiorno soltanto il 67,1. L’Italia, insomma, resterà fortemente divisa in due, con tutte le province del Meridione (la prima è Chieti, 68esima) destinate ad occupare le posizioni finali della graduatoria”. In questo quadro di crescita non uniforme delle province, secondo le stime di Unioncamere, nel 2011 Milano raggiungerà quota 35mila, aumentando la ricchezza prodotta dai cittadini di 1.360 euro. A tallonarla Bologna e Belluno, destinate a crescere di oltre mille euro rispetto all’anno scorso. Sul fronte opposto Imperia, Grosseto e Pesaro Urbino non registreranno alcun aumento del valore aggiunto procapite. Alla fine del 2011, quindi, Milano si confermerà alla vetta della classifica nazionale. Fanalino di coda resterà invece Crotone. Fiducia sul fronte del lavoro. “Tra aprile e giugno le imprese italiane contano di realizzare complessivamente 60mila assunzioni in più rispetto allo stesso periodo del 2010″, indica Dardanello. Mentre”riprendono vigore le assunzioni nel Mezzogiorno: sono poco meno di 100mila quelle previste nel secondo trimestre 2011, 18.580 in più del 2010”. E del decreto Sviluppo, Dardanello dice: “E’ un ottimo provvedimento che dà risposte concrete ai bisogni delle imprese. Il pericolo, come troppo spesso accade, è che possa venir snaturato da veti ed eccezioni, sempre in agguato nella fase di attuazione”.

Condividi su:
Unioncamere – L’Italia riparte, tornano le assunzioni al sud - panoramica

Sintesi: Il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, traccia così la "fotografia" dell'Italia che emerge dai dati presentati all'assemblea annuale dei presidenti delle Camere di Commercio

Articoli simili

Banner 300×250 Zibaldo.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

PicenAmbiente banner 300×90
pubblicità