VeraTV

Calcioscommesse – Monopoli di Stato, la frode era sulle partite

Calcioscommesse – Monopoli di Stato, la frode era sulle partite
giugno 16
17:03 2011

Lo ha affermato il responsabile dell’ufficio scommesse dei Monopoli di Stato (Aams), Luca Turchi, commentando il recente scandalo sul Calcio scommesse e sottolineando come i monopoli stiano attualmente “collaborando con l’autorità giudiziaria, inviando dati e report, per verificare se ci siano stati dei comportamenti che abbiano leso gli scommettitori”. Parlando a margine di un convegno sul gioco on line, Turchi ha sottolineato che da anni i monopoli sono impegnati nella promozione del gioco ufficiale e che “erano state fatte segnalazioni su flussi di gioco anomali, ma in molti casi il risultato più giocato dagli scommettitori non era uscito”. Sulla possibile introduzione di ulteriori meccanismi di trasparenza del gioco, secondo Turchi, bisogna rivolgersi al legislatore e quindi al Parlamento, “sulla base delle cui indicazioni l’amministrazione opera”. Alla fine delle indagini sul Calcio scommesse, ha aggiunto Turchi, “é possibile che i monopoli chiedano un eventuale risarcimento se verranno certificati danni subiti per ammanco erariale. E’ un’attività che facciamo in tutti gli ambiti”. Infine, in merito a un possibile finanziamento al mondo dello sport per controllare la correttezza delle gare, Turchi ha osservato: “Dalle scommesse arrivano soldi anche al mondo dello sport. Il Coni distribuisce soldi alle federazioni e questi servono anche a pagare le spese a chi deve controllare la correttezza dei risultati”.

Condividi su:
Calcioscommesse – Monopoli di Stato, la frode era sulle partite - panoramica

Sintesi: "La frode non era sulle scommesse, ma sulle partite".

Articoli simili

Banner 300×250 Zibaldo.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

Nepi banner 300×90
pubblicità