VeraTV

San Benedetto del Tronto – Crisi del comparto pesca

San Benedetto del Tronto – Crisi del comparto pesca
giugno 24
10:09 2011

Ottomila euro per imbarcazione e fermo pesca volontario per le volanti da ora fino a settembre. Quest’ultima istanza tradotta in una richiesta ufficiale inviata dall’Assimpesca a tutte le autorità competenti.
La pesca è in ginocchio, la crisi stringe la morsa sul porto e i marittimi corrono ai ripari, il fermo biologico servirà a desaturare il mercato dando maggior respiro alle lampare ottimizzando lo sforzo e iniziando a salvaguardare la risorsa ittica. Si parla di un contributo ad ogni singola imbarcazione di almeno ottomila euro per il periodo di fermo fino al 31 luglio, per un totale di impegno per la regione marche di 88 milioni di euro. Una crisi quella del comparto pesca che è esplosa ormai da tre anni, e che secondo l’associazione sambenedettese coinvolge 180 famiglie. Tanti i motivi della crisi, dalla concorrenza dei prodotti di importazione a un ultimo fattore penalizzante, la contaminazione del pescato da parte dell’anisakis, che ha creato diffidenza e un ulteriore contrazione del mercato, un mercato quello della pesca diventato ormai inavvicinabile, e ora ai marittimi non resta che attendere risposte concrete dalle autorità preposte. E se non arriveranno si annunciano acque agitate al porto di San Benedetto del Tronto.

Condividi su:
San Benedetto del Tronto – Crisi del comparto pesca - panoramica

Sintesi: 180 sono le famiglie in difficoltà: chiesti il fermo volontario per le volanti e 8mila euro a imbarcazione

Articoli simili

Banner 300×250 Zibaldo.it
Nepi banner 300×90
pubblicità