VeraTV

Calcioscommesse – Gip revoca arresti per Giannone ed Erodiani

Calcioscommesse – Gip revoca arresti per Giannone ed Erodiani
giugno 27
17:04 2011

I due tornano in libertà grazie alla collaborazione prestata alla magistratura di Cremona. Francesco Giannone è accusato di far parte del gruppo dei bolognesi, guidato dall’ex bomber della Nazionale Beppe Signori, metnre Erodiani è ritenuto un componente dell’organizzazione che per il pubblico ministero avrebbe truccato le partite. Nel secondo interrogatorio al procuratore Roberto di Martino, Erodiani aveva spiegato di essere entrato nel giro delle scommesse perché vantava un credito di 120.000 euro nei confronti di Marco Paoloni, l’ex portiere della Cremonese in gennaio passato al Benevento tuttora agli arresti domiciliari. Secondo l’accusa, Paoloni avrebbe ‘drogato’ con il Minias, un medicinale a base di benzodiazepine, il té contenuto nelle borracce dei suoi compagni di squadra tra il primo e il secondo tempo della partita Cremonese-Paganese del 14 novembre 2010. Paoloni nega l’accusa. A giorni il pm di Martino fisserà il calendario dei nuovi interrogatori tra i quali quelli di Cristiano Doni, capitano dell’Atalanta, e Stefano Bettarini, indagati nell’ambito della stessa inchiesta.

Condividi su:
Calcioscommesse – Gip revoca arresti per Giannone ed Erodiani - panoramica

Sintesi: Il gip del tribunale di Cremona Guido Salvini oggi ha revocato gli arresti domiciliari a Francesco Giannone, commercialista di Bologna, e a Massimo Erodiani, titolare di agenzie di scommesse di Pescara, indagati nell'ambito dell'inchiesta sul calcios

Articoli simili