VeraTV

Gastronomia – L’agnello della Marca conquista l’Italia

Gastronomia – L’agnello della Marca conquista l’Italia
luglio 04
09:44 2011

Si chiama agnello della Marca e la sua garanzia di qualità è soprattutto tracciabilità. Si tratta di bestiame nato allevato e macellato nelle Marche, sotto il controllo di un rigido disciplinare di produzione da rispettare.
Diversi pastori locali hanno avviato già da qualche anno la certificazione delle carni dei loro agnelli, apposti in più punti della carcassa ovina. Adesivi irremovibili a prova di contraffazione. Queste carni sono particolarmente apprezzate per le loro caratteristiche organolettiche e sono particolarmente saporite e gustose al palato, con giusto grado di infiltrazione di grasso all’interno della fibra che le rende tenere ed appetitose. Per questo l’agnello della marca è protagonista, in questi giorni, della Sagra di Castignano. Siamo andati a curiosare nelle cucine della Sagra, laddove le brave massaie del Piceno preparano i piatti tipici della tradizione nostrana. Uno su tutti, l’agnello fritto, pezzo immancabile del fritto misto all’ascolana. Insomma le declinazioni dell’agnello sono tante, l’importante è che sia di qualità locale e garantita. Secondo un’analisi di Coldiretti, infatti, le vendite dell’agnello della marca hanno visto un aumento del 25 per cento rispetto allo scorso anno, con una vera e propria corsa ad acquistare il prodotto locale.

Condividi su:
Gastronomia – L’agnello della Marca conquista l’Italia - panoramica

Sintesi: Le buone tradizioni del piceno si certificano. Dopo l’oliva dop, il vino doc e il bovino marchigiano arriva l’agnello della marca.

Articoli simili