VeraTV

Fuga dal carcere di Marino: in cinque tentano di evadere con un buco

Fuga dal carcere di Marino: in cinque tentano di evadere con un buco
luglio 21
10:02 2011

Un buco nel muro e la corsa verso la libertà. Un sogno, in perfetto stile “Fuga da Alcatraz” che si stava per realizzare per cinque detenuti nel carcere di Marino del Tronto ad Ascoli. L’epilogo, però, è stato meno romanzato che nel film del 79 con Clint Eastwood perché i fuggitivi sono stati denunciati e saranno trasferiti in strutture più sicure.
Oltre alla denuncia per tentata evasione, i cinque – originari di Marche, Puglia e Campania – sono stati deferiti per danneggiamento. Il tentativo di evasione è stato scoperto ieri mattina intorno alle 6, quando gli agenti della polizia penitenziaria in servizio a Marino, hanno effettuato il controllo di routine delle celle; in quella dei cinque hanno rinvenuto il buco, profondo già lo spessore di un mattone, e largo una ventina di centimetri.
Per scavare il buco nel muro, i cinque si erano avvalsi di rudimentali attrezzi ricavati dallo smembramento di una pentola.
Per coprire il rumore dello scavo, poi, avevano adottato il sistema di cantare ad alta voce. Solo un detenuto pugliese ha ammesso di essere l’artefice del buco, mentre gli altri hanno tutti negato.
La fuga dal Marino, però, non ha avuto l’esito sperato. Bloccata pressoché sul nascere, si è conclusa con un’esemplare punizione per i cinque che sognavano la libertà e, invece, resteranno, almeno per ora, compagni di soggiorno di Salvatore Parolisi. Il presunto omicida di Melania Rea. Il caporalmaggiore sembra una sorta di Re Mida delle notizie. Passa per Folignano e scatta l’allarme bimbo scomparso, approda al carcere di Marino e in cinque tentano la fuga.

Condividi su:
Fuga dal carcere di Marino: in cinque tentano di evadere con un buco - panoramica

Sintesi: Tentano di fuggire dal carcere, facendo un buco nel muro, ma la tentata evasione dal Marino finisce male per cinque detenuti.

Articoli simili

veratv 300×90 TGM
veratv 300×90 TGA
pubblicità