VeraTV

Omicidio Rea – E’ caccia al telefonista anonimo

Omicidio Rea – E’ caccia al telefonista anonimo
luglio 26
10:14 2011

Tanti interrogativi ed una telefonata definita determinante, che, ad oggi, rappresenterebbe la chiave di volta per il brutale omicidio di Carmela Rea, la giovane mamma di Somma Vesuviana trovata massacrata con almeno 30 coltellate.
La telefonata, diretta al 113 e partita da una cabina telefonica del centro di Teramo, è una pista a cui il pool investigativo sta dando molto risalto, ed è per questo che gli inquirenti stanno tentando di rintracciare l’uomo, autore della chiamata, che il 20 aprile scorso scoprì il corpo della povera Melania.
Bisogna capire chi telefonò e soprattutto cosa videro i suoi occhi a Ripe.
Lui, anziano, timoroso di parlare, frettoloso nel chiudere la chiamata, dialetto teramano, arrivò per primo sul luogo del delitto, casualmente e non sapendo cosa avrebbe visto, e ora diventa tassello principe per scoprire la verità.
Solo nelle sue parole si potrà rinvenire il senso ultimo dell’omicidio Rea e capire altri elementi fondamentali nel giallo che ha coinvolto il Piceno.
Non è bastato l’arresto dell’unico indagato, il caporalmaggiore Salvatore Parolisi, per la risoluzioni del terribile giallo, visto che la permanenza nel super carcere di Marino del Tronto del militare, agli investigatori, pare che non basti, e regna sovrana la sensazione che qualcosa sfugga , soprattutto su ciò che accadde quel maledetto 18 aprile. Gli interrogativi restano tuttora numerosi: Salvatore Parolisi agì da solo? Chi poteva esserci, assieme a lui, sul luogo del delitto quel giorno? L’omicidio avvenuto nel Bosco delle Casermette, dunque, non sembra vedere la sua risoluzione con l’arresto di Salvatore Parolisi, che, indubbiamente, è stato decisivo ma non conclusivo.

Condividi su:
Omicidio Rea – E’ caccia al telefonista anonimo - panoramica

Sintesi: Le indagini sull’omicidio di Carmela Rea vanno avanti.
Gli inquirenti stanno cercando di scoprire l'identità dell’uomo che il 20 aprile scorso telefono’ al 113 per denunciare il ritrovamento del corpo di Melania.

Articoli simili

Zibaldo 2banner 300×250
Banner 300×250 Zibaldo.it
TERCAS banner 300×90
pubblicità