VeraTV

Manovra – Ascoli e Fermo a rischio accorpamento

Manovra – Ascoli e Fermo a rischio accorpamento
agosto 17
09:51 2011

Ascoli Piceno e Fermo a rischio soppressione. Il Governo cala la scure sugli enti locali: con la crisi dei mercati finanziari il Ministro dell’economia Giulio Tremonti e il Premier Silvio Berlusconi hanno presentato ieri la bozza relativa alla manovra lampo approvata nella serata di ieri dal Consiglio dei Ministri. E a tremare sono le provincie di Ascoli Piceno e Fermo a fronte delle misure previste nella stessa manovra che prevedono tra le altre, la soppressione a partire dalle prossime elezioni, delle province sotto i 300 mila abitanti e l’accorpamento dei comuni sotto i mille abitanti. Immediate le reazioni della politica locale a partire dal Governatore della regione Marche Gian Mario Spacca che ha parlato di ricadute devastanti. Il Sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli e il Presidente della Provincia di Ascoli Piero Celani si dicono pronti a tornare a governare insieme a Fermo. Così come il Presidente della provincia fermana Fabrizio Cesetti che si dichiara pronto ad accogliere Ascoli Piceno. Cesetti ha inoltre parlato di morte del federalismo fiscale nonché della necessità di una modifica alla Costituzione per l’attuazione della misura prevista in manovra che con una legge ordinaria resta attualmente inapplicabile.
Della serie “c’eravamo tanto amati”. Ascoli Piceno e Fermo divise di recente dopo una montagna di polemiche, ora rischiano clamorosamente di tornare di nuovo sotto la stessa governante. Tutto merito o colpa della crisi finanziaria che stà davvero rivoluzionando ogni campo della vita pubblica, a partire dalla politica.

Condividi su:
Manovra – Ascoli e Fermo a rischio accorpamento - panoramica

Sintesi: Decreto choc per le due province marchigiane dopo la presentazione della manovra bis del Governo per il pareggio di bilancio che prevede la soppressione delle province con meno di 300mila abitanti.

Articoli simili