VeraTV

Ascoli Piceno – Celani contro la soppressione delle Province

Ascoli Piceno – Celani contro la soppressione delle Province
agosto 22
09:06 2011

E’ infuriato Piero Celani, la manovra di Ferragosto proprio non riesce a digerirla. L’ipotesi di soppressione delle province di Ascoli e Fermo è un’idea che lo manda fuori di testa. Una circostanziata lettera a Berlusconi, con consigli per risparmiare compresi, una piccata risposta sul tema lavoro al capogruppo Pd in provincia Emidio Mandozzi: insomma, il numero 1 di Palazzo san Filippo è attivissimo nella battaglia contro la possibile soppressione delle due province.
L’ultima ipotesi che prevede un accorpamento delle province di Ascoli e Fermo alla vicina Macerata l’ha bollata con un acronimo: MAF, tre letterine pronunciate con amara ironia.
Nella lettera al premier Celani aveva indicato la strada per un taglio alle spese che evitasse la scure sugli enti provinciali: “Conti alla mano sono pronto a dimostrare ai ministri Calderoli e Tremonti, ed ai loro tecnici, che il risparmio annuale dovuto alla soppressione delle 29 Province e’ di gran lunga inferiore ai costi sostenuti per la costituzione della sola Provincia di Fermo (40 milioni di euro)”. Questo uno dei passaggi chiave della missiva recapitata al capo del governo.
Nella lettera a Berlusconi, Celani evidenzia anche lo “sperpero” di circa 40 milioni di euro per far nascere la Provincia di Fermo, definito a chiare lettere “un errore gravissimo”.
“Ancora non capisco – aggiunge Celani – come gli stessi ministri dell’Economia e della Semplificazione, che oggi propongono per il risanamento del debito pubblico la chiusura delle Province di Ascoli Piceno e Fermo perche’ non raggiungono i 300.000 abitanti, abbiano consentito, nelle rispettive competenze, questa divisione appena due anni fa”, quando l’intero territorio contava circa 400 mila abitanti.
Non ne fa una questione di campanile Celani, insomma. Secondo il presidente provinciale il risparmio ricavato dall’operazione accorpamento sarebbe complessivamente di 26 milioni, una goccia nel mare della crisi. La ricetta del presidente prevede invece l’eliminazione di enti di secondo grado: comunità montane e consorzi vari, decisione che consentirebbe di risparmiare cifre ben più cospicue. A Roma la ricetta pare interessare, un tecnico del ministero dell’economia lo ha telefonato per chiedere notizie precise sulla proposta. Insomma la battaglia di Celani continua, nella speranza che Maf resti solo un acronimo.

Condividi su:
Ascoli Piceno – Celani contro la soppressione delle Province - panoramica

Sintesi: Continua la battaglia di Piero Celani contro il progetto di soppressione delle province di Ascoli e Fermo. Il presidente dell’ente piceno ha ricevuto una telefonata dal ministero. scopriamo tutto in questo servizio.

Articoli simili

Tercas-notte-musei
pubblicità