VeraTV

Caso Straccia – Papà Mario chiede la verità

Caso Straccia – Papà Mario chiede la verità
gennaio 08
17:16 2012

Vuole la verità papà coraggio Mario Straccia. Dopo venti giorni di ricerche serrate, non è riuscito a riconoscere il corpo senza vita del figlio, Roberto. Un 24enne di belle speranze, pronto alla tesi e appassionato di calcio. Ha pianto e oggi vive un dolore straziante, ma ha un’ultima richiesta da avanzare a quei media che hanno seguito la storia di sua figlio: Chiedo – dice – di conoscere la verità per poterci dar pace. Dopo oltre 20 giorni in cui ha fatto la spola tra Moresco e Pescara, la famiglia Straccia nei prossimi giorni sarà a Bari, dove verranno eseguiti il test del Dna e l’autopsia sul cadavere rinvenuto sugli scogli del porticciolo del rione Palese del capoluogo pugliese. Esami fondamentali per accertare che il corpo sia davvero quello di Roberto e per far luce su quanto accaduto, anche se i genitori, pur non potendo riconoscere il volto del figlio a causa delle pessime condizioni di conservazione della salma, hanno riconosciuto gli indumenti del giovane, oltre ad un mazzo di chiavi e al suo iPod. Intanto, anche sul web e su Facebook, utilizzato in questi 24 giorni dagli amici di Straccia per dar vita ad un vero e proprio tam tam che contribuisse al ritrovamento del giovane, sembra essere calato il silenzio. Le poche persone che postano commenti nei due gruppi creati sul social network, oltre a rivolgere il proprio affetto a Roberto e alla famiglia, si uniscono alle parole di Mario Straccia e chiedono che sia fatta presto luce sulla vicenda. A Moresco, invece, la luce fioca della speranza fatica a spegnersi fra lacrime e dolore. Nessuno crede all’ipotesi dei suicidio perché nella vita del giovane non c’era alcuna ombra. Si spera addirittura che non si tratti di Roberto, anche se ormai tutto fa pensare che il cadavere rinvenuto a Bari sia proprio quello del povero studente fermano.

Condividi su:
Caso Straccia – Papà Mario chiede la verità - panoramica

Sintesi: Nei prossimi giorni la famiglia di nuovo a Bari per autopsia e Dna

Articoli simili

TERCAS banner 300×250
Zibaldo 2banner 300×250
Banner 300×250 Zibaldo.it
pubblicità