VeraTV

Grottammare – Si toglie la vita sparandosi

Grottammare – Si toglie la vita sparandosi
febbraio 07
16:23 2012

Marino Tomassini aveva 42 anni, e si trovava agli arresti domiciliari nella sua casa di via Parini a Grottammare, nei pressi di piazza Carducci. A dare l’allarme è stata la madre che dormiva nella stanza affianco, quando i carabinieri sono arrivati hanno sfondato la porta della sua camera che aveva chiuso a chiave prima di togliersi la vita. L’uomo si sparato in bocca con una fucilata e per non essere sentito da nessuno ha attutito il colpo con due cuscini. La madre, quando si è alzata e ha visto che il figlio non le rispondeva più, ha chiamato i soccorsi. I carabinieri, che hanno dovuto buttare giù la porta, sono stati i primi a trovarsi davanti il cadavere di Tomassini.
L’uomo, residente a Grottammare, aveva avuto problemi di tossicodipendenza e nell’ultimo periodo, a detta di vicini e conoscenti, non stava bene. Soffriva di depressione e si trovava a casa, agli arresti domiciliari. Ora la salma di Tomassini si trova all’obitorio del Madonna del Soccorso per l’ispezione cadaverica. Un’ennesima tragedia che colpisce il Piceno. Un gesto estremo di un uomo ormai provato da un’esistenza che aveva preso, probabilmente, una piega drammatica. Solitudine, amarezza, voglia di riscatto e frustrazione potrebbero averlo portato compiere il gesto estremo. 

Condividi su:
Grottammare – Si toglie la vita sparandosi - panoramica

Sintesi: E' accaduto in una palazzina di via Parini

Articoli simili

Banner 300×250 Zibaldo.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

Nepi banner 300×90
pubblicità