VeraTV

Teramo/Delitto de Luca – No al rito abbreviato per l’assassina

Teramo/Delitto de Luca – No al rito abbreviato per l’assassina
febbraio 18
09:47 2012

In caso di condanna,  Francisca Binicio Medina non avrà nessuno sconto di pena. I giudici della Corte d’Assise di Teramo, dinanzi ai quali ha preso il via il processo con rito immediato per omicidio volontario aggravato, hanno infatti respinto la richiesta di concedere il giudizio abbreviato condizionato. Il processo dunque va avanti. La ragazza, di origini dominicane, è accusata di aver ucciso, il 19 maggio scorso, l’ex imprenditore 69enne Carmine De Luca, nell’abitazione di Piano Grande di Torricella. Il delitto si consumò nella camera da letto al secondo piano dell’appartamento di De Luca. Ben 22 coltellate, di cui 10 alla testa, 7 al volto, uno alla nuca, 3 al dorso, una al collo ma soprattutto quello fatale alla gola, che in un solo colpo gli recise carotide e giugulare destre. La dominicana è accusata anche di occultamento di cadavere, per averlo trasportato al piano inferiore e chiuso a chiave in una stanza. A tradire la dinamica dell’omicidio chiare chiazze di sangue lungo il percorso, scoperte dai Ris dei carabinieri nonostante il tentativo di lavarle con una pompa a vapore. Macchie di sangue con il dna della donna furono successivamente repertate sul luogo del delitto e permisero di risalire a lei quale responsabile del massacro. L’imputata cercò anche di sfuggire all’arresto, lanciandosi da una finestra della casera di carabinieri di Genova dove era piantonata.

Condividi su:
Teramo/Delitto de Luca – No al rito abbreviato per l’assassina - panoramica

Sintesi: La Corte d'Assise boccia la richiesta degli avvocati

Articoli simili

Zibaldo 2banner 300×250
Banner 300×250 Zibaldo.it
TERCAS banner 300×90
pubblicitĂ