VeraTV

San Benedetto/Politica – Approvato il bilancio di previsione 2012

San Benedetto/Politica – Approvato il bilancio di previsione 2012
febbraio 28
15:19 2012

Dopo cinque ore di discussione il Consiglio comunale ha approvato tutti i punti all’ordine del giorno, la maggior parte dei quali erano delibere propedeutiche alla manovra finanziaria del 2012.

In apertura di seduta è stata discussa un’interpellanza a firma di Ferritto (Cinquestelle), Tassotti, Ruggeri, Vignoli (PDL) e Massimiani (Lista Gabrielli) in cui viene chiesto all’Amministrazione di farsi interprete della volontà di migliaia di cittadini di ottenere tutte le possibili garanzie circa il progetto di realizzazione di un deposito di stoccaggio del gas in territorio comunale, sia per quanto riguarda l’aspetto della tutela della salute pubblica, sia in merito alle possibili conseguenze sul tessuto economico e produttivo della città. La risposta è arrivata dall’assessore alla partecipazione Luca Spadoni il quale, ricordando le azioni intraprese dall’Amministrazione (costituzione di una commissione tecnico – consultiva, affidamento dell’incarico alla società Terre.it dell’Università di Camerino per la realizzazione di uno studio indipendente), ha ricordato che le osservazioni redatte dalla commissione, insieme allo studio, alla diffida e a una nota della Asur a firma del dott. Luigi Persiani in cui si specificava che “il gestore dell’impianto deve dichiarare e documentare che l’impianto non rechi alcun nocumento alla salute dei cittadini”, sono state inviate a tutti gli organi competenti ad esprimere pareri nell’iter procedurale.

Per quanto riguarda la manovra economica, l’assessore al bilancio Fabio Urbinati ha illustrato come le “tempeste finanziarie” della crisi e le misure contenute nel “Decreto salva Italia” abbiano comportato un profondo ripensamento delle scelte da assumere e quindi un ritardo nell’approvazione del bilancio. “I maggiori tagli ai trasferimenti statali e le stringenti norme del patto di stabilità interno – ha dichiarato Urbinati – ci hanno portato a presentare un bilancio che possiamo definire ‘sperimentale’, visto che ci saranno per la prima volta sia entrate dal ‘fondo statale sperimentale di riequilibrio’ sia dall’applicazione di nuove imposte come l’IMU e la tassa di soggiorno”.

L’assessore ha poi elencato i servizi essenziali che l’Amministrazione ha inteso mantenere a tutela dei cittadini più deboli nonostante le difficoltà: la conferma per tutto il triennio 2012/2014 dell’esenzione dal pagamento dei buoni pasto per la mensa scolastica alle famiglie con reddito ISEE non superiore a € 7.000; la conferma per l’anno 2012 dell’esenzione dal pagamento dell’addizionale IRPEF comunale per i nuclei familiari con almeno quattro figli minori e con un reddito ISEE familiare non superiore ad euro 10.632,94; la conferma della gratuità del servizio di scuolabus ed assistenza a bordo per gli alunni della scuola dell’obbligo per il quale ogni anno il Comune spende quasi 468mila euro; la conferma delle agevolazioni per le famiglie meno abbienti nel pagamento della tassa rifiuti (un minore introito di € 168.000) e per le attività produttive; la conferma delle agevolazioni della TARSU per chi porta in ricicleria i rifiuti differenziabili (con il solo aumento da 150 a 200 kg a persona di rifiuti per ottenere lo sconto massimo del 40%); la creazione del fondo per “rimborsare” i pensionati a basso reddito nel pagamento dell’IMU; l’aumento di € 17.000 dello stanziamento per interventi a favore delle famiglie in situazioni di disagio; la conferma degli interventi a sostegno degli affitti; un fondo di € 5.000 per progetti di solidarietà e cooperazione internazionale.
 
Sia dai banchi della maggioranza che dalla minoranza è stata riconosciuta la difficoltà strutturale nella redazione del bilancio. Ma mentre la maggioranza (Emili, Marinucci, Benigni, Liberati, Pasqualini, Vesperini) ha tributato un plauso agli uffici e sottolineato che rigore, solidarietà, equità e crescita sono i principi sui quali si è basata la redazione del bilancio, appunti sono arrivati dagli scranni della minoranza. Vignoli ha puntato l’indice contro il piano pluriennale delle opere pubbliche, per due terzi a carico di privati e quindi difficilmente realizzabili, ha posto il quesito se gli immobili di proprietà comunale non istituzionali come PalaRiviera, Stadio “Riviera delle Palme” e gli immobili della eredità Rambelli siano soggetti all’IMU e ha chiesto all’Amministrazione di mantenere la promessa scritta sul programma di mandato di maturare la “cultura del controllo della spesa” che si basa su una più attenta e oculata gestione delle risorse pubbliche.

Secondo Ferritto, “non ci sono stati cambi di passo rispetto al passato” e questo si evince dalla mancanza in bilancio di risorse per la lotta al punteruolo rosso o dalla scelta di realizzare una nuova piscina piuttosto che risolvere i problemi degli allagamenti dell’impianto fognario (per la piscina in realtà si tratta di proventi da un eventuale accordo con privati, non di stanziamenti in bilancio, come ha spiegato Marinucci).

Pellei (UDC) ha presentato un emendamento, poi approvato, per meglio definire chi avrà diritto al rimborso dell’IMU: il contributo ai pensionati verrà erogato tenendo conto della condizione di non autosufficienza, invalidità e di numero dei componenti il nucleo familiare (singoli o coppie).

Il Consiglio comunale ha dato il via libera alla tassa di soggiorno. La minoranza (Gabrielli, Massimiani) ha chiesto di pensare l’imposta solo in maniera sperimentale e di impiegare il ricavato prevalentemente per i servizi di accoglienza al turismo (Vignoli). Pellei ha presentato un ordine del giorno affinché Sindaco e Giunta si impegnino “a presentare, entro tre mesi, una proposta di atto amministrativo a contenuto finanziario nel quale sia definito l’impatto della spesa e del costo dell’opera del lungomare nord alla luce, oltre che del project financing, anche del Regolamento che dovrà stabilire le tariffe e la platea dei soggetti percossi dalla tassa al fine di quantificare la reale entrata”.

L’assessore al turismo Sorge, ricordando che gli uffici stanno lavorando al regolamento, che nei prossimi mesi passerà al vaglio del Consiglio comunale, nel quale saranno previsti alcuni importanti “benefit” per il turista come la “Sea Card”.  

Nel suo intervento, il sindaco Gaspari si è detto soddisfatto del lavoro svolto dagli uffici e della capacità delle Commissioni consiliari di aver fatto scelte che tutelino i soggetti più sensibili. “Se saremo capaci di andare a scovare le povertà – ha detto il Sindaco – anche quelle nascoste, grazie ad un continuo lavoro sinergico con il terzo settore, potremo offrire alla città opportunità di crescita. Abbiamo la voglia di realizzare alcuni interventi qualificanti – ha proseguito Gaspari –  per far crescere le imprese e cercare di arginare la lotta all’evasione. Intendiamo anche investire una percentuale (5%) degli incassi degli oneri di urbanizzazione per l’abbattimento delle barriere architettoniche e rendere la città accessibile a tutti”.

E’ stato anche approvato un ordine del giorno a firma di Bovara (Città Aperta), Emili (PD) e Laversa (PSI) che impegna l’Amministrazione a predisporre entro il 2012 tavoli tecnici con le organizzazioni sindacali rappresentative del settore edilizio al fine di censire gli immobili potenzialmente interessati dalla norma che prevede l’introduzione dell’IMU su fabbricati destinati alla vendita. 

Il bilancio 2012 e il triennale 2012-2014 è stato approvato con 15 voti favorevoli, 7 contrari e due astensioni (Calvaresi e Pellei).

Condividi su:
San Benedetto/Politica – Approvato il bilancio di previsione 2012 - panoramica

Sintesi: Il Consiglio comunale dà il via libera alla tassa di soggiorno

Articoli simili

Zibaldo 2banner 300×250
Banner 300×250 Zibaldo.it
TERCAS banner 300×90
pubblicità