VeraTV

Valle Castellana – “Yuri è scappato col bambino da Corfù”

Valle Castellana – “Yuri è scappato col bambino da Corfù”
marzo 21
19:27 2012

Il legale della mamma del piccolo scomparso assieme al padre, Yuri D’Angelo, da Vallecastellana scrive ai giornali per chiarire la posizione della sua assistita. L’avvocato racconta che la donna non si è allontanata per tornare in Grecia appena partorito. Al contrario, pochi giorni dopo la nascita del figlio, la coppia avrebbe deciso di trasferirsi, insieme al figlio, a Corfù. Nell’isola i due avevano anche preso in affitto un appartamento e Yuri stava cercando lavoro. Nel mese di maggio 2010, dopo circa nove mesi di permanenza in Grecia, D’Angelo – scrive l’avvocato Evangelia Elisavet Lazari – con il pretesto di fare visita ai nonni paterni, avrebbe portato via il figlio e ometteva di rientrare presso la dimora familiare. La mamma che nel frattempo sentiva quasi quotidianamente per telefono il piccolo e Yuri per tentare una definizione bonaria della vicenda ha attivato, presso il Tribunale per i minorenni delle Marche, un procedimento ai sensi della Convenzione dell’Aja del 1980, per ottenere, non l’affidamento del minore bensì l’ordine di rimpatrio in Grecia e la restituzione del piccolo alla madre. Il Tribunale per i minorenni, accertata la illecita sottrazione del piccolo, ha disposto il rientro del minore in Grecia, obbligando D’Angelo a riportare il piccolo in Grecia entro 15 giorni dalla notifica del provvedimento, ovvero a non opporsi alla riconsegna del minore alla madre o a persona dalla stessa incaricata. Scaduto il temine, però, D’Angelo si è sottratto all’obbligo di riportare a Corfù il piccolo e si è reso irreperibile. Resta il fatto che padre e figlio non sono rintracciabili da giorni e in molti restano preoccupati, specie i nonni paterni che vorrebbero solo avere notizie.

Condividi su:
Valle Castellana – “Yuri è scappato col bambino da Corfù” - panoramica

Sintesi: La mamma del bimbo scomparso spiega le sue verità

Articoli simili

Banner Terca 300×250
pubblicità