VeraTV

Castelnuovo – Sparatoria fra ladri e polizia, muore un albanese

Castelnuovo – Sparatoria fra ladri e polizia, muore un albanese
novembre 13
11:49 2012

Scontro a fuoco questa sera poco dopo le 20.30 nelle campagne del teramano, in Abruzzo, tra polizia e una banda di ladri. Un uomo della banda è rimasto ucciso.
Gli agenti di due volanti della questura di Teramo hanno intercettato ed inseguito una banda di ladri romeni a bordo di un’auto nelle campagne di Castelnuovo: nell’inseguimento l’auto è finita in una strada chiusa. Sceso dall’auto, uno dei banditi ha impugnato una pistola puntandola contro gli agenti. Nel conflitto a fuoco, un poliziotto ha centrato l’uomo tra spalla e petto, mentre gli altri tre sono fuggiti a piedi nella campagne circostanti. Il ferito è stato soccorso e trasferito in ospedale: poco dopo i sanitari lo hanno dichiarato morto. Addosso non aveva documenti, ma da una prima testimonianza raccolta al pronto soccorso dell’ospedale Mazzini, sarebbe molto giovane, tra i 25 e i 30 anni. Il conflitto a fuoco, i cui contorni saranno meglio chiariti nelle prossime ore, si è verificato questa sera poco dopo le 20:30 a Castelnuvo Vomano e ha coinvolto gli agenti della squadra volante della questura di Teramo. Il sostituto procuratore Irene Scordamaglia coordina le indagini, mentre una vera e propria caccia all’uomo si è scatenata nelle campagne di Castelnuovo alla ricerca di tre complici della vittima. L’allarme furti era scattato verso le 20, con una segnalazione pervenuta alla sala operativa della questura di Teramo, che indicava la presenza di una Mercedes sospetta con a bordo quattro persone. Proprio quella intercettata dai poliziotti coincideva con la descrizione fornita: la banda si è subito data alla fuga e l’inseguimento si è concluso tragicamente. La macchina era stata rubata a Macerata. Non si segnalano feriti tra i poliziotti delle due volanti intervenute sul posto e coinvolte nel conflitto a fuoco.

Aggiornamento: E’ un albanese 24enne, Marjan Kerimi, la vittima del colpo esploso dalla pistola d’ordinanza di un agente della Questura di Teramo che ieri sera aveva sorpreso il ragazzo e tre connazionali su un’auto rubata e ricercata da giorni, nei pressi di Castellalto, frazione di Castelnuovo Vomano. Gli occupanti dell’auto – rubata il primo novembre a Macerata – erano stati segnalati come responsabili di furti a Chieti, Popoli (Pescara) e, nel pomeriggio di ieri, in provincia di Teramo. La volante, riconosciuta la Mercedes che procedeva in senso contrario lungo la strada statale 150, ha invertito il senso di marcia e si è messa al suo inseguimento. La corsa è finita in una strada senza uscita. Il malvivente è stato raggiunto al torace da uno dei quattro colpi sparati dal capo pattuglia quando i quattro sono scesi dall’auto per fuggire. Il trasporto in ospedale non ne ha evitato la morte. Kerimi, secondo quanto reso noto dalla Questura di Teramo, "ha puntato una pistola contro gli agenti". Kerimi è risultato pluripregiudicato e oggetto di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Firenze, l’11 luglio scorso, per reati di droga. La pistola puntata contro gli agenti, ha precisato la polizia, era una calibro 9 marca "Star", di fabbricazione spagnola, priva di caricatore. "E’ stata trovata nei pressi del luogo dell’evento – scrive la Questura – probabilmente persa dal possessore durante la fuga". Il magistrato di turno, il pm Irene Scordamaglia, ha disposto l’autopsia della vittima, affidata al medico legale Vittorio Fineschi, dell’Università di Foggia, iscrivendo nel contempo l’ agente, da quanto si è appreso, nel registro degli indagati. L’autopsia sarà eseguita probabilmente domani. Nell’auto usata dalla banda, una Mercedes CLS 320 sono stati trovati arnesi per lo scasso, portafogli, borse, un pc portatile e vario materiale probabile provento di furto al momento al vaglio degli investigatori.

Condividi su:
Castelnuovo – Sparatoria fra ladri e polizia, muore un albanese - panoramica

Sintesi: Inseguimento nelle campagne del Teramano

Articoli simili