VeraTV

Roseto – Mamma e figlia picchiate e violentate per anni

Roseto – Mamma e figlia picchiate e violentate per anni
aprile 13
18:13 2013

Una storia di paura, minacce e violenza. Due donne ucraine che vivevano in una totale miseria morale ed in totale degrado fisico. Mamma e figlia vittime di un uomo che avrebbe dovuto aiutarle a vivere ed invece, sotto la minaccia di denunciarle perché clandestine, le due donne hanno vissuto una vita d’inferno. Gli agenti della squadra mobile di Teramo hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria il loro aguzzino: un marocchino di 40 anni, nullafacente e anch’egli irregolare. Pesanti le accuse sul conto del nordafricano. L’arresto è scattato dopo la segnalazione dei servizi sociali del Comune di Roseto, che avevano raccontato alla Questura le vessazioni a cui le due donne venivano costantemente sottoposte. Un quadro raccapricciante, fatto di abusi, violenze fisiche e sessuali. La situazione è divenuta insostenibile quando la più giovane delle due ucraine ha deciso di raggiungere la madre che conviveva con il marocchino. Una volta in Italia, per la giovane sarebbe iniziato un vero e proprio incubo: rapporti sessuali non consenzienti ed ottenuti con la violenza tanto che la ragazza è rimasta anche incinta, portando a compimento solo dietro le terribili minacce del 40enne. Violenze che avrebbero portato ad altre due gravidanze che la giovane, però, non aveva mai riferito al suo aguzzino, abortendo. Il clima di terrore, però, era continuo all’interno degli alloggi occupati dalla famiglia che era costretta ad una vita di stenti. Le donne erano picchiate e private di ogni mezzo di sostentamento, visto che spendeva i soldi per ubriacarsi. L’uomo è stato accompagnato in questura e sottoposto a fermo di polizia giudiziaria. Le due donne, invece, sono state affidate ad una casa-famiglia.

Condividi su:
  • 1
    Share
Roseto – Mamma e figlia picchiate e violentate per anni - panoramica

Sintesi: In manette un marocchino di 40 anni

Tags

Articoli simili