VeraTV

Teramo – “L’arte si riprende la città”, occupato il cineteatro comunale

Teramo – “L’arte si riprende la città”, occupato il cineteatro comunale
gennaio 18
18:22 2014

Con lo slogan "L’arte si riprende la città", una ventina di giovani artisti, capitanati dal musicista teramano Enrico Melozzi, dell’associazione politico-culturale "Teramo 3.0", ha occupato, a Teramo, i locali sottostanti il Cine Teatro Comunale, lungo il centralissimo corso San Giorgio, oggi sfitti ma dove fino a metà dicembre è stato ospitato il grande magazzino Oviesse. Il gruppo – tra i quali ci sono anche esponenti non abruzzesi – ha esposto striscioni sulla "liberazione" di uno spazio che dovrebbe essere dedicato all’arte: «Riteniamo – si legge in una nota diffusa dagli occupanti – che la cultura sia una delle risorse principali del nostro Paese. Un bene comune inalienabile che deve essere sottratto a improvvisati manager privati e dirigenti statali e riconsegnato al suo valore collettivo. Un patrimonio pubblico che deve tornare nelle mani attive della cittadinanza. Teramo non ha bisogno di un altro teatro. È sufficiente che gli oltre 2.000mq del Teatro Comunale ora adibiti ad attività commerciale tornino a essere spazi funzionali per l’attività teatrale: sartorie, laboratori scenotecnici, magazzini, camerini, sale prova, sale studio, biblioteca e tutto ciò che occorre per strutturare una nuova e moderna realtà culturale». La richiesta è quella di un incontro con il sindaco di Teramo Maurizio Brucchi, al quale si chiede un impegno sulla realizzazione di un luogo della cultura. Il gruppo di artisti ha annunciato di voler proseguire nell’occupazione fino al prossimo 23 gennaio, data in cui il Comune di Teramo dovrebbe procedere all’apertura delle buste per l’affitto dei locali commerciali occupati prima dall’Oviesse. Nel tardo pomeriggio i giovani artisti terranno un concerto improvvisato per la città dalle vetrine dell’ex negozio. Sul posto ci sono Digos e guardie municipali.

Condividi su:
Teramo – “L’arte si riprende la città”, occupato il cineteatro comunale - panoramica

Sintesi: Esposti striscioni sulla liberazione

Tags

Articoli simili

Tercas-notte-musei
pubblicità