VeraTV

Porto San Giorgio – Il consigliere Agostini: “Loira mi nega gli atti”

Porto San Giorgio – Il consigliere Agostini: “Loira mi nega gli atti”
maggio 14
12:12 2014
Di seguito la nota dell’ex sindaco Andrea Agostini, oggi consigliere di opposizione, sui atti che gli starebbero stati negati dall’amministrazione comunale. 

E’ noto che avevo chiesto il certificato di destinazione urbanistica dell’area ex Grand Hotel per dimostrare che non serve una variante urbanistica per realizzarvi invece che una piazza, un’area sportiva pubblica, e che quindi illegittimamente era stato negato al comitato la possibilità di un referendum cittadino. Oltre cinque mesi di silenzio da parte del Segretario Comunale e del dirigente all’urbanistica, che ancora tacciono, salvo il Sindaco sostenere per iscritto due assurdi. Il primo. Non compete al Comune rispondere ad una richiesta di accesso agli, ma all’interessato andare di giorno in giorno a girovagare negli uffici per sapere cosa ne è dei suoi diritti civili. Il secondo. Il consigliere comunale che vuole un certificato nell’interesse pubblico in forza di un mandato elettivo può svolgere le proprie funzioni se i documenti li paga e quindi a seconda dei soldi che ha in tasca e ciò alla stregua di un qualsiasi privato cittadino che agisce nel proprio esclusivo interesse.

E’ noto pure che con gli altri consiglieri civici abbiamo interrogato il Sindaco per sapere della causa sull’ex Cinema Excelsior, visto i continui rinvii che non sono dovuti alla note lungaggini della Giustizia, ma ad una precisa volontà del Comune di temporeggiare. Dall’interrogazione si scopre che non c’è trattativa con il privato che giustifichi i rinvii e che tale volontà di rinvio non è una decisione pubblica trasparente ed apprezzabile in forza di qualche deliberato sindacale o di giunta, ma una disposizione tutta interna, riservata, anzi privata, che corre tra il sindaco ed i legali comunali. Per averne ulteriore riprova chiediamo i verbali di udienza della causa e questi ci vengono negati.
Due dinieghi di accesso in pochi giorni che raccolgono il silenzio di tutte le forze consiliari, le quali evidentemente non hanno interesse a comprendere il ruolo pubblico che rivestono.
I consigli comunali si tengono al contagocce, la commissione edilizia non si tiene più, ora si negano anche gli atti, strumenti tutti questi indispensabili a chi, il consigliere comunale, prima di tutti e nell’interesse generale è chiamato dalla cittadinanza a verificare con cognizione la correttezza e l’efficacia dell’operato dell’Amministrazione.
Del certificato di destinazione urbanistica richiesto da me al segretario comunale ed al dirigente all’urbanistica, da questi ancora nulla dopo sei mesi. Non è dato neppure sapere se condividano o meno il libero pensiero sindacale, così nei giorni rinnoverò loro la richiesta e ne trarrò le conseguenze del caso. Se vorranno perseverare ad impedire anche essi lo svolgimento dell’attività politica di questo consigliere, risponderanno nelle sedi competenti.
Comunque già nei giorni scorsi ho interessato Sua Eccellenza il Prefetto di Fermo, rappresentando il grave stato di antidemocraticità che caratterizza l’azione dell’Amministrazione Loira e dei suoi uffici.
Oggi infine ho inoltrato ricorso amministrativo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Commissione per l’accesso ai documenti amministrativi, contro il diniego di accesso ai verbali di causa dell’ex Cinema Excelsior.
La trasparenza è un obbligo di legge, disatteso il quale si apre un sentiero tortuoso che parte dal capriccio per arrivare ai peggiori mali della pubblica amministrazione.
Basta. E’ ora di dare la sveglia.
Condividi su:
Porto San Giorgio – Il consigliere Agostini: “Loira mi nega gli atti” - panoramica

Sintesi: L'ex sindaco attacca l'attuale primo cittadino

Articoli simili

Tercas-notte-musei
pubblicità