VeraTV

Omicidio Sarchiè – Nel capannone degli indagati il santino della madre di Pietro

Omicidio Sarchiè – Nel capannone degli indagati il santino della madre di Pietro
luglio 09
21:21 2014

Tra i pezzi del furgone trovati nel capannone della ditta edile a Castelraimondo sequestrato ieri dai carabinieri sarebbe stato rinvenuto anche un santino della madre di Pietro Sarchiè aveva dato al figlio perché lo proteggesse durante i suoi viaggi per consegnare il pesce. E’ uno dei particolari che emerge dalle indagini sul delitto del commerciante, per il quale sono indagate quattro persone. Anche se i pezzi non sono stati ancora ufficialmente riconosciuti come parti del furgone di Sarchiè, il ritrovamento del santino (e sembra anche di un peluche) lascerebbe pochi spazi a dubbi circa il fatto che il mezzo sia stato smontato perché non venisse ritrovato e che si tratti proprio del furgone della vittima. Sante Seminara, marito della titolare di una delle due ditte edili che si trovano nel capannone, e la coppia nella cui abitazione sono state ritrovate altre parti, sarebbero state sentite in merito e avrebbero sostenuto di aver ricevuto i pezzi da una terza persona. Seminara è indagato per favoreggiamento e di concorso nella soppressione del cadavere. I coniugi solo di favoreggiamento.

Condividi su:
Omicidio Sarchiè – Nel capannone degli indagati il santino della madre di Pietro - panoramica

Sintesi: I pezzi del camioncino ancora non riconosciuti

Articoli simili