VeraTV

Scontro Tornado – Asur: “Nessun rischio per l’agricoltura”

Scontro Tornado – Asur: “Nessun rischio per l’agricoltura”
settembre 13
17:01 2014

"Non ci sono potenziali rischi per la salute dovuti a una possibile contaminazione da parte di sostanze chimiche ricercate nelle verdure e negli ortaggi prelevati a ridosso della zona interdetta per l’incidente aereo del 19 agosto scorso" fra i due Tornado che si sono scontrati sui cieli di Ascoli Piceno, provocando la morte di quattro piloti e una serie di incendi. E’ la comunicazione trasmessa dal Servizio igiene degli alimenti e della nutrizione dell’Area Vasta n. 5 dell’Asur ai sindaci di Ascoli, Roccafluvione e Venarotta dopo le analisi effettuate dall’Arpam sui campioni prelevati nella zona del disastro. "Questo non esclude – specifica la nota – la necessità di lavare comunque abbondantemente ortaggi, frutta e verdura prima dell’utilizzo". I due caccia dell’Aeronautica militare, decollati dalla base di Ghedi (Brescia) per due diverse esercitazioni, si erano scontrati a pochi chilometri dall’abitato di Ascoli, esplodendo in volo. I resti dei corpi dei quattro piloti, Mariangela Valentini, Piero Paolo Franzese, Alessandro Dotto e Giuseppe Palminteri, vennero recuperati dopo ricerche difficilissime, mentre per raccogliere i rottami dei Tornado, disseminati in un’area impervia grande circa 60 km quadrati, ci sono voluti giorni. I velivoli viaggiavano senza armamenti di bordo, e il rischio di un inquinamento radioattivo era stato subito escluso da una nota congiunta dell’Aeronautica militare e della procura di Ascoli, titolare dell’inchiesta, anche perché "gran parte del cherosene dei serbatoi si era disperso in aria". L’Aeronautica ha assicurato il ripristino ambientale e paesaggistico della zona.

Condividi su:
Scontro Tornado – Asur: “Nessun rischio per l’agricoltura” - panoramica

Sintesi: Il servizio igiene rassicura sui rischi provocati da sostanze chimiche

Tags

Articoli simili