VeraTV

Regione Marche- Spese gruppi consiliari, 45 gli indagati

Regione Marche- Spese gruppi consiliari, 45 gli indagati
ottobre 30
12:53 2014
Riguarda le spese sostenute nel 2010 e non, come inizialmente appreso, quelle del 2012 la richiesta di proroga di sei mesi delle indagini sulle spese dei gruppi consiliari della regione Marche avanzata al gip dal pm di Ancona Giovanna Lebboroni. Per l’ipotesi di concorso in peculato questa volta sono 45, e non 47 come nella precedente tranche, le persone chiamate in causa: 40 tra consiglieri ed ex consiglieri regionali (compresi il governatore Gian Mario Spacca, il segretario regionale del Pd Francesco Comi e l’ex vice presidente della Giunta e attuale deputato Pd Paolo Petrini) e 5 addetti a gruppi e segreterie. Gli inquirenti vorrebbero terminare le indagini con proroghe per annualità e poi chiudere l’inchiesta unitariamente. Nella richiesta di proroga di sei mesi, dal 26 settembre 2014, data di scadenza del termine precedente, il pubblico ministero fa riferimento al fatto che "entro tale termine non possono concludersi le indagini preliminari dei fatti in causa vista la complessità della vicenda processuale". Il pm ritiene sia indispensabile proseguire le indagini: "sono in corso delle indagini delegate alla polizia giudiziaria ed è necessaria un’accurata valutazione della copiosa documentazione".
Ci sono 40 consiglieri regionali e 5 addetti a segreterie e gruppi tra gli indagati per cui la procura di Ancona ha chiesto la proroga delle indagini relative a spese dei gruppi consiliari del 2010. Questi i nomi: il presidente Gian Mario Spacca (gruppo Gian Mario Spacca presidente), Fabio Badiali, Gianluca Busilacchi, Francesco Comi, Enzo Giancarli, Sara Giannini, Marco Luchetti, Almerino Mezzolani, Rosalba Ortenzi, Paolo Perazzoli, Paolo Petrini (ex consigliere), Mirco Ricci, Angelo Sciapichetti e Gino Traversini (Pd), Francesco Massi Gentiloni Silveri, Giacomo Bugaro, Daniele Silvetti, Mirco Carloni, Francesco Acquaroli, Graziella Ciriaci, Elisabetta Foschi, Giulio Natali, Franca Romagnoli, Umberto Trenta, Giovanni Zinni (tutti all’epoca del Pdl, ora confluiti in varie formazioni del centro destra) Giancarlo D’Anna (gruppo Misto), Raffaele Bucciarelli (Federazione Sinistra), Erminio Marinelli (Per le Marche), Enzo Marangoni, Roberto Zaffini (all’epoca Lega Nord), Moreno Pieroni (Psi), Massimo Binci (Sel), Maura Malaspina, Valeriano Camela (Udc), Luca Acacia Scarpetti (Idv), Paolo Eusebi, Paola Giorgi (Centro Democratico), Sandro Donati (Per l’Italia), Adriano Cardogna (Verdi), Dino Latini (ora Liste Civiche per l’Italia). I cinque addetti ai gruppi sono Roberto Oscar Ricci, Massimo Di Furia, Giuseppe Pieroni, Andrea Filippini e Giuseppe Canducci. Rispetto all’altra tranche d’inchiesta, non compaiono i nomi dei consiglieri Luca Marconi (Udc) e Antonio Canzian (Pd) e degli addetti ai gruppi Claudio Olmeda e Fabio Pagnotta. Resta fuori dai due tronconi il presidente del Consiglio regionale Vittoriano Solazzi.
Condividi su:
Regione Marche- Spese gruppi consiliari, 45 gli indagati - panoramica

Sintesi: L'ipotesi è concorso in peculato

Articoli simili

Banner 300×250 Zibaldo.it
TERCAS banner 300×90
pubblicità