VeraTV

Ascoli – Manni si difende: “Mai voluto compiere azioni eversive”

Ascoli – Manni si difende: “Mai voluto compiere azioni eversive”
gennaio 20
17:54 2015

“Non ho mai avuto l’intenzione di compiere azioni eversive. Le mie erano solo sbruffonerie da Facebook”. Stefano Manni si difende così davanti ai giudici che dovranno decidere sulla sua libertà. Il quarantottenne ascolano ritenuto il capo di una presunta organizzazione eversiva di estrema destra e arrestato lo scorso mese di dicembre nell’ambito dell’inchiesta Aquila Nera portata avanti dalla Procura di L’Aquila, è comparso ieri davanti i giudici del tribunale della libertà di L’Aquila che doveva discutere la sua istanza di riesame con la quale il suo legale ha chiesto la scarcerazione. "Non avevo alcuna intenzione di comprare le armi né di rubarle" avrebbe aggiunto. Al termine dell’udienza i giudici non si sono pronunciati riservandosi di decidere nelle prossime ore. Il legale di Manni, il penalista ascolano Mauro Gionni, avrebbe infatti sollevato un’eccezione procedurale. Pur essendo stato nominato difensore, non ha ricevuto alcuna convocazione dal tribunale della libertà per l’udienza di ieri mattina. I giudici potrebbero a questo punto voler sentire anche Gionni prima di decidere. Oggi in carcere Manni vedrà suo figlio. Da quando è detenuto in una cella del penitenziario di Pescara ha pensato ogni giorno ai suoi due bambini e oggi potrà finalmente incontrare uno di loro accompagnato dalla sua ex moglie. Intanto ha chiesto di poter raccontare agli inquirenti la sua verità dopo le dichiarazioni spontanee rilasciate nel corso dell’udienza di ieri.

Condividi su:
Ascoli – Manni si difende: “Mai voluto compiere azioni eversive” - panoramica

Sintesi: Oggi in carcere incontra il figlio

Tags

Articoli simili