VeraTV

Calcio – Dirty Soccer: le altre condanne della sentenza di primo grado

Calcio – Dirty Soccer: le altre condanne della sentenza di primo grado
agosto 20
12:07 2015

Oltre alla retrocessione in serie D, il Tribunale Federale Nazionale ha comminato sia al Teramo che al Savona un’ammenda di 30mila euro. I giudici hanno inoltre stabilito l’inibizione di 4 anni (più un’ammenda di 100mila euro) per il presidente del club abruzzese Luciano Campitelli e quel quello dei liguri, Aldo Delle Piane per responsabilità diretta nella combine del match che il 2 maggio diede la promozione in serie B ai teramani.
Queste le altre squalifiche decise dal collegio presieduto da Sergio Artico:  Marco Barghigiani (ex collaboratore Savona) 3 anni e mezzo e 60mila euro di ammenda; Ninni Corda (ex tecnico Barletta e Savona) 2 anni (con l’attenuante della collaborazione fattiva); Marcello Di Giuseppe (ds Teramo) 4 anni e 100mila euro; Ercole Di Nicola (ex ds l’Aquila) 5 anni più preclusione e 100mila euro; Davide Matteini (calciatore Luparense San Paolo) 3 anni e mezzo e 60mila euro; Giuliano Pesce (dirigente) 3 anni e mezzo e 50mila euro; Marco Cabeccia (ex Savona) 6 mesi e 30mila euro; Enrico Ceniccola (ex collaboratore Savona) 6 mesi e 30mila euro; Fabio Di Lauro (allenatore) 2 anni e mezzo e 40mila euro. Sanzionati con un punto dipenalizzazione da scontare nel prossimo campionato il Barletta Calcio, L’Aquila Calcio 1927 e la Luparense San Paolo Fc, coinvolte per responsabilità oggettiva. 

Condividi su:
Calcio – Dirty Soccer: le altre condanne della sentenza di primo grado - panoramica

Sintesi: Inibizione di 4 anni e ammenda di 100 mila euro per il presidente del club biancorosso Luciano Campitelli

Articoli simili