VeraTV

Sparatoria Ancona – Trovato un biglietto in casa del 18enne: “Confesso l’omicidio di Fabio e Roberta

Sparatoria Ancona – Trovato un biglietto in casa del 18enne: “Confesso l’omicidio di Fabio e Roberta
novembre 10
10:28 2015

”Confesso l’omicidio di Fabio Giacconi e Roberta Pierini”. E’ la frase scritta da Antonio Tagliata in un biglietto sequestratogli in casa dopo il fermo. ”Ero sicuro che sarei morto-si sarebbe giustificato il giovane nell’interrogatorio-,ho scritto il biglietto per proteggere mio padre, che ha avuto problemi con la giustizia”.Carlo Tagliata è un pregiudicato, ha ricordato l’avv. Luca Bartolini, difensore di Antonio, e il figlio, preoccupato che i sospetti potessero ricadere sul genitore, si sarebbe assunto preventivamente la responsabilità di quello che stava per fare. Sempre nell’abitazione di famiglia, Antonio ha lasciato tre lettere indirizzate al padre, alla madre e ai fratelli: parole in cui il ragazzo chiede scusa per quello che sta per compiere. I genitori le hanno interpretate come l’annuncio di un suicidio, e per questo si sarebbero rivolti alle forze di polizia, non sapendo ancora, affermano, dell’avvenuta sparatoria in casa dei Giacconi. Il biglietto con la confessione dell’omicidio potrebbe aggravare la posizione del ragazzo, che ha detto di aver sparato per difendersi dalla reazione aggressiva di Giacconi. Una circostanza in più a suo sfavore, come la conferma che in tasca, oltre alla pistola cal. 9X21, aveva anche 86 proiettili. Sulla reale provenienza dell’arma, che ha la matricola abrasa, le indagini proseguono.

Condividi su:
Sparatoria Ancona – Trovato un biglietto in casa del 18enne: “Confesso l’omicidio di Fabio e Roberta - panoramica

Sintesi: Il giovane lo avrebbe scritto per proteggere il padre, Carlo Tagliata, pregiudicato

Tags

Articoli simili

Banner 300×250 Zibaldo.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

PicenAmbiente banner 300×90
pubblicità