VeraTV

San Benedetto – Ultimatum di Canducci al Pd, a rischio candidatura e coalizione

San Benedetto – Ultimatum di Canducci al Pd, a rischio candidatura e coalizione
gennaio 03
11:25 2016

Anno che viene, problemi che tornano. Non c’è pace per il centrosinistra sambenedettese, ormai dilaniato dall’acceso dibattito interno sulle primarie del prossimo 6 marzo. L’ultimo a paventare un possibile dietrofront è stato l’assessore all’ambiente Paolo Canducci. L’esponente dei Verdi, tra i primi ad ufficializzare la propria candidatura, pare averne fino al collo dell’atteggiamento dispotico del Partito Democratico. Canducci rimprovera agli alleati il mancato coinvolgimento dell’intera coalizione. “Hanno deciso tutto da soli – ha spiegato – dal regolamento alla data delle primarie. Canducci, non lo nomina direttamente ma il riferimento, pare chiaro, è a Paolo Perazzoli. Tra l’ex consigliere regionale e i Verdi non è mai corso buon sangue. Vecchi dissapori mai sanati, che oggi, minano la tenuta del centrosinistra.  L’assessore verde, calca la mano proprio sulla figura di Perazzoli e ricorda, la guerra fratricida portata avanti negli ultimi anni insieme alla moglie Loredana Emili contro l’amministrazione dem. “Hanno presentato una marea di esposti in Procura – ha ricordato Canducci – quasi ci volevano mandare in galera. Adesso pretendono il nostro appoggio per le elezioni”.  Sostegno che il candidato dei verdi sa bene essere fondamentale per il Pd. “Senza alleati non vinceranno le primarie”. Un ultimatum che comunque non sembra preoccupare gli alleati. Per loro ritiro di Canducci sarebbe solo il frutto di una strategia per dribblare la sconfitta. 

Condividi su:
San Benedetto – Ultimatum di Canducci al Pd, a rischio candidatura e coalizione - panoramica

Sintesi: Veto dei Verdi su Paolo Perazzoli

Tags

Articoli simili