VeraTV

Rigopiano – Papà sopravvissuto: “In hotel mia moglie e i miei figli”

Rigopiano – Papà sopravvissuto: “In hotel mia moglie e i miei figli”
gennaio 19
10:39 2017

Peggio di qualsiasi film horror. Ci sarebbero trenta personerimaste intrappolate nella struttura di Farindola travolta dalla slavina. Isoccorritori dopo lunghe e difficili ore di viaggio, tra muri di neve, hannoestratto la prima vittima dalle macerie dell’hotel Rigopiano parzialmente crollato dopo essere stato travolto dal peso della neve caduta dalla montagne del Parco del Gran Sasso a seguito delle scosse. Sarebbero invece due isuperstiti. Uno è Giampiero Parete  residentea Montesilvano (Pescara). “Sono salvo perché ero andato a prendere una cosa inautomobile". E’ quanto ha riferito ai medici il 38enne che ieri ha lanciato l’allarme perla valanga che ha travolto l’hotel Rigopiano. Disperato il suo appello persalvare la sua famiglia: la moglie e i due figli di Parete sono sotto lemacerie dell’albergo. "E’ arrivata la valanga – ha detto ancora aisanitari il 38enne, ricoverato in Rinimazione – sono stato sommerso dalla neve,ma sono riuscito a uscire. L’auto non è stata sepolta e quindi ho atteso lìl’arrivo dei soccorsi". L’uomo è arrivato in stato di ipotermia, ma ècosciente e il quadro clinico non è preoccupante. E’ stato lui ieri a lanciarel’allarme al suo datore di lavoro. Poi la lunga attesa dell’arrivo deisoccorsi, insieme all’altro superstite. In arrivo al resort anche i cinofili dellaPolizia di Stato per la ricerca dei dispersi. Si temono molti morti e si scava nella neve con qualsiasi mezzo.

Condividi su:
Rigopiano – Papà sopravvissuto: “In hotel mia moglie e i miei figli” - panoramica

Sintesi: Il sopravvissuto Giampiero Parete è un 38enne di Montesilvano

Tags

Articoli simili