VeraTV

Chieti – Settanta coltellate, così Marfisi ha ucciso la moglie e la sua giovane amica

Chieti – Settanta coltellate, così Marfisi ha ucciso la moglie e la sua giovane amica
aprile 20
09:48 2017

Una ventina di coltellate, tutte concentrate nella zona toracica, la metà delle quali a livello cardiaco, così è stata  uccisa dal marito Letizia Primiterra, 47 anni. Il femminicidio è stato compiuto lo scorso 13 aprile ad Ortona dal cinquantenne, Francesco Marfisi, che subito dopo ha colpito a morte con 50 coltellate anche l’amica della donna, Laura Pezzella, di 33 anni.  Una vera e propria furia omicida.

Lo ha rivelato l’autopsia effettuata ieri a Chieti dal dottor Pietro Falco, responsabile della Medicina Legale dell’Asl di Chieti. L’esame, iniziato alle 7, si è concluso alle 14. Le coltellate hanno provocato lacerazioni a livello cardiaco e polmonare, inoltre sulla donna sono state riscontrate lesioni da difesa ad una mano. Nel corso dell’autopsia, i cui risultati definitivi si conosceranno almeno fra 60 giorni, sono stati effettuati prelievi di liquidi e materiale biologico per l’esame del Dna.

Alla base del duplice omicidio ci sarebbe la scoperta, da parte di Marfisi, di una relazione fra le due donne. L’uomo è in carcere, in esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Chieti Luca De Ninis.

Condividi su:
Chieti – Settanta coltellate, così Marfisi ha ucciso la moglie e la sua giovane amica - panoramica

Sintesi: Alla base del duplice omicidio ci sarebbe la scoperta di una relazione fra le due donne

Tags

Articoli simili

VIVI 300×250
TERCAS banner 300×90
pubblicità