VeraTV

Crollo Ponte in A14 – Affidato l’incarico a Luca Russo

Crollo Ponte in A14 – Affidato l’incarico a Luca Russo
giugno 06
17:02 2017
Nel mirino della Procura dorica sette giorni di telefonate, scambi di messaggi, foto inviate e ricevute ma anche documenti. Ad analizzare il contento di cinque cellulari, appartenenti agli indagati, sarà l’analista forense Luca Russo, chiamato a far luce sul crollo del ponte in A14.

Un incidente nel quale persero la vita, lo scorso 9 marzo, i coniugi Emidio Diomede e Antonella Viviani, di Pagliare. Ad affidargli l’incarico con atto irripetibile è stato il pm di Ancona Irene Bilotta. All’affidamento della consulenza erano, infatti, presenti, i legali dei 41 indagati (37 persone fisiche e 4 aziende tra cui Aspi-Autostrade per l’Italia, Spea Engeneering, Pavimental e Delabech) accusati a vario titolo di disastro colposo, concorso in omicidio colposo plurimo e lesioni colpose.

L’esperto inizierà le operazioni il 27 giugno e avrà due mesi di tempo per trarre le sue conclusioni. Le risposte ai quesiti, che riguardano essenzialmente il contenuto dei telefonini, serviranno alla Procura per chiarire tutto ciò che accadde nella settimana precedente il crollo, avvenuto verso le 13:50 del 9 marzo. Proprio in quel momento, tra Camerano e Castelfidardo sopraggiungeva la Nissan Qashqai dei coniugi Diomede, che impattò contro un ‘muro di cemento’. L’analisi dei cinque telefonini procederà parallelamente alla consulenza tecnica già affidata dal pm agli ing. Luigino Dezi e Michele Pierri per accertare le cause del disastro: le operazioni tecniche sul ponte sull’autostrada sono fissate per il 13 giugno. La Procura si starebbe concentrando in particolare sulla fase a monte dei lavori, sul progetto e le direttive fornite alla ditta che li eseguiva materialmente. Ciò comunque non escluderebbe eventuali criticità nella fase esecutiva delle manovre per la sopraelevazione del ponte con i martinetti, o carenze nello stato di conservazione dell’infrastruttura

Condividi su:
Crollo Ponte in A14 – Affidato l’incarico a Luca Russo - panoramica

Sintesi: L'analista forense dovrà analizzare il contenuto di cinque cellulari

Articoli simili

Banner Terca 300×250
pubblicità