VeraTV

San Benedetto – Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli

novembre 08
20:15 2017
Condividi su:
San Benedetto – Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli - panoramica

Sintesi: San Benedetto - Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli

Tags

Articoli simili

San Benedetto – Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli

San Benedetto – Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli
novembre 08
17:33 2017
Giornata con due testimoni importanti nel processo per la presunta estorsione ai danni di Marco Calvaresi. È stato, infatti, sentito anche il forzista Bruno Gabrielli, all’epoca dei fatti, cioè nel 2011, candidato sindaco a San Benedetto. Alla sbarra c’è Mauro Megna, 34 anni, investigatore privato che avrebbe chiesto a Calvaresi 16 mila euro per non diffondere materiale (a suo avviso compromettente) riguardante un familiare dell’imprenditore. 
L’ex presidente del consiglio comunale non pagò e denunciò Megna ed altre due persone cioè Roberto Strozzieri di 34 anni e Luciano Tuttobene di 27: pochi giorni dopo i tre furono arrestati. Lo stesso Calvaresi si è costituito parte civile nell’ambito del procedimento. 
In calendario c’erano diversi teste da ascoltare come persone informate sui fatti. Tra questi anche Gabrielli.In una lettera inviata da Strozzieri a Megna si parlava, infatti, di un uomo “riconducibile al candidato Gabrielli” che stava cercando informazioni su Calvaresi. Ma Gabrielli ha affermato di non conoscere né Megna, seduto al banco degli imputati, né Strozzieri e Tuttobene, considerati i due esecutori materiali del tentativo di estorsione. Si è detto anche amareggiato per quanto accaduto a Calvaresi. A porgli domande è stato l’avvocato Nazario Agostini che gli ha chiesto se, nel 2011, vi fossero altri Gabrielli candidati a San Benedetto e se quella lettera potesse far riferimento ad altra persona. Il testimone ha detto di non saperlo dire con certezza ma non gli pare vi fossero altri Gabrielli. Dinanzi al giudice Marco Bartoli è apparso anche l’altro testimone clou della giornata cioè Roberto Strozzieri che ha patteggiato, nel marzo di due anni fa, una pena ad un anno e mezzo. Una lunga deposizione nel corso della quale ha pronunciato diversi: "non so e non ricordo". In qualche caso gli è stato ricordato cosa aveva risposto a precedenti interrogatori e ha confermato quella verità dei fatti. Con Megna e Strozzieri era stato arrestato Tuttobene. Il giovane grottammarese è stato, però, assolto con formula dubitativa dal gup Giuliana Filippello.
Condividi su:
San Benedetto – Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli - panoramica

Sintesi: "Non conosco nessuno dei tre imputati"

Tags

Articoli simili

San Benedetto – Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli

San Benedetto – Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli
novembre 08
17:33 2017
Giornata con due testimoni importanti nel processo per la presunta estorsione ai danni di Marco Calvaresi. È stato, infatti, sentito anche il forzista Bruno Gabrielli, all’epoca dei fatti, cioè nel 2011, candidato sindaco a San Benedetto. Alla sbarra c’è Mauro Megna, 34 anni, investigatore privato che avrebbe chiesto a Calvaresi 16 mila euro per non diffondere materiale (a suo avviso compromettente) riguardante un familiare dell’imprenditore. 
L’ex presidente del consiglio comunale non pagò e denunciò Megna ed altre due persone cioè Roberto Strozzieri di 34 anni e Luciano Tuttobene di 27: pochi giorni dopo i tre furono arrestati. Lo stesso Calvaresi si è costituito parte civile nell’ambito del procedimento. 
In calendario c’erano diversi teste da ascoltare come persone informate sui fatti. Tra questi anche Gabrielli.In una lettera inviata da Strozzieri a Megna si parlava, infatti, di un uomo “riconducibile al candidato Gabrielli” che stava cercando informazioni su Calvaresi. Ma Gabrielli ha affermato di non conoscere né Megna, seduto al banco degli imputati, né Strozzieri e Tuttobene, considerati i due esecutori materiali del tentativo di estorsione. Si è detto anche amareggiato per quanto accaduto a Calvaresi. A porgli domande è stato l’avvocato Nazario Agostini che gli ha chiesto se, nel 2011, vi fossero altri Gabrielli candidati a San Benedetto e se quella lettera potesse far riferimento ad altra persona. Il testimone ha detto di non saperlo dire con certezza ma non gli pare vi fossero altri Gabrielli. Dinanzi al giudice Marco Bartoli è apparso anche l’altro testimone clou della giornata cioè Roberto Strozzieri che ha patteggiato, nel marzo di due anni fa, una pena ad un anno e mezzo. Una lunga deposizione nel corso della quale ha pronunciato diversi: "non so e non ricordo". In qualche caso gli è stato ricordato cosa aveva risposto a precedenti interrogatori e ha confermato quella verità dei fatti. Con Megna e Strozzieri era stato arrestato Tuttobene. Il giovane grottammarese è stato, però, assolto con formula dubitativa dal gup Giuliana Filippello.
Condividi su:
San Benedetto – Estorsione a Calvaresi, sentito Bruno Gabrielli - panoramica

Sintesi: "Non conosco nessuno dei tre imputati"

Tags

Articoli simili