VeraTV

Giulianova – Stalker in manette: era sotto casa della vittima con una pistola carica

Giulianova – Stalker in manette: era sotto casa della vittima con una pistola carica
marzo 19
17:04 2018

Si era appostato con l’auto sotto l’abitazione della donna di cui si era invaghito senza essere corrisposto. Era armato fino i denti, forse stava preparando un agguato e sognava il drammatico epilogo: i carabinieri della compagnia di Giulianova, diretti dal maggiore Vincenzo Marzo, hanno arrestato lo stalker che da quasi due anni aveva preso di mira una 47enne giuliese. Si tratta di un 70enne del posto, ritenuto il mittente non solo di lettere minatorie, ma anche di cartucce da caccia calibro 12 lasciate sull’auto o recapitate nell’abitazione della donna. Le indagini erano scattate dopo la denuncia della 47enne, intimorita e preoccupata che quei segnali fossero premonitori di ben più gravi azioni nei suoi confronti. Fino a ieri, quando i militari del nucleo radiomobile hanno fermato il pensionato nei pressi dell’abitazione della donna trovando a bordo dell’auto una pistola a tamburo carica con otto colpi e pronta all’uso, un coltello a serramanico di 20 centimetri, 4 cartucce dello stesso calibro di quelle utilizzate per minacciare la vittima.
Al pensionato sono stati concessi gli arresti domiciliari dal magistrato in attesa dell’udienza di convalida. In casa, il 70enne oltre ad essere stato trovato in possesso delle lettere adesive utilizzate nelle missive minatorie, deteneva un arsenale: una carabina e una pistola semiautomatica detenute illegalmente e non rubate, una pistola scacciacani senza tappo rosso, 37 cartucce calibro 12, 8 scatole con circa 700 colpi calibro 6 e 4 coltelli a serramanico. Due carabine, queste regolarmente denunciate, erano a casa del figlio, assieme a un chilo di pallini di piombo per preparare cartucce calibro 12.

Condividi su:
  • 8
    Shares
Giulianova – Stalker in manette: era sotto casa della vittima con una pistola carica - panoramica

Sintesi: Il 70enne aveva in casa un vero arsenale

Tags

Articoli simili

1 Comment

  1. Ga
    Ga aprile 15, 17:49

    Bisognerebbe che gli uomini capissero che se una donna li rifiuta non possono perseguitarla,farla pedinare ,calunniarla,reclutare gente per umiliarla e farla vessare attraverso gesti (come sputi,occhiatacce,risatine) danneggiarla sul lavoro tramite amicizie compiacenti,insomma qualcuno sa bene di cosa parlo ma fino ad ora sono riusciti a fermare solo coloro che a Roma perseguitavano una nota imprenditrice,tutte le altre donne cercano di sopravvivere intanto.a coloro che si riconoscono in questi uomini dico solo vergognatevi.

    Reply to this comment

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.