VeraTV

 Ultime notizie

Ascoli – Il padre massacra la madre di botte, la figlia dal bagno chiama il 112

Ascoli – Il padre massacra la madre di botte, la figlia dal bagno chiama il 112
marzo 12
09:55 2019

Non si ferma la scia di violenza contro le donne nella provincia picena. A pochi giorni dal caso di San Benedetto, finito con l’arresto di un 33enne che all’alba dell’8 marzo ha minacciato l’ex e provocato danni al panificio dove lavora, un’altra giovane mamma è stata vittima del proprio consorte.

Stavolta l’episodio di cronaca è avvenuto in una casa nel centro di Ascoli Piceno e, cosa più grave, sotto gli occhi terrorizzati della figlia minore dei due coniugi. È stata proprio lei a mettere un freno alla furia del padre. Mentre lui continuava a picchiare la madre, la bambina si è infatti chiusa in bagno e da lì ha chiamato i carabinieri.

Una richiesta di aiuto arrivata al centralino del 112 e alla quale hanno immediatamente risposto i militari del Comando Provinciale di Ascoli Piceno guidati dal colonnello Ciro Niglio.

Il provvidenziale intervento dei militari ha evitato probabilmente che il fatto potesse degenerare ulteriormente: la donna è stata soccorsa dal 118 e trasportata al pronto soccorso Mazzoni di Ascoli dove ha ricevuto una prognosi di 40 giorni per lesioni varie.

Per il quarantunenne ascolano, non nuovo a episodi di violenza familiare, è scattato l’arresto immediato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate ed è stato associato al carcere di Marino del Tronto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Fondamentale, in questo caso la denuncia da parte della figlia della vittima, che di fronte alle violenze subìte dalla madre ha avuto il coraggio di chiedere aiuto.

Condividi su:
  • 165
    Shares
Ascoli – Il padre massacra la madre di botte, la figlia dal bagno chiama il 112 - panoramica

Sintesi: Carabinieri arrestano 41enne per maltrattamenti in famiglia e lesioni gravi

Tags

Articoli simili

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti al momento, vuoi inserirne uno?

Inserisci un commento

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.