VeraTV

 Ultime notizie

Cologna – Benzinaio aggredito, il rom: “Sono fuggito, ho avuto paura”

Cologna – Benzinaio aggredito, il rom: “Sono fuggito, ho avuto paura”
luglio 15
10:35 2019

Resta grave il benzinaio colpito con un pugno al volto. Gianfranco Pigliacampo, il 50enne di Mosciano gestore del distributore Ip di Cologna Spiaggia, sabato mattina, dopo essere stato aggredito da un 38enne, ha perso l’equilibrio e ha sbattuto la testa sul cordolo di un gabbiotto. Subito è entrato in coma ed è stato trasferito in ospedale. Qui resta ricoverato in Rianimazione ed è in prognosi riservata. Il suo aggressore è un 38enne di etnia rom che è stato denunciato a piede libero per tentato omicidio. Il giorno dopo la tragedia, si è recato in caserma accompagnato dal suo legale, Andrea Ciannavei del foro di Ascoli. Ai carabinieri della stazione di Roseto ha raccontato la sua versione dei fatti. Davanti al pm Laura Colica, che poco prima aveva effettuato un sopralluogo al distributore, avrebbe raccontato di aver mandato il figlio, sabato mattina, a riempire una bombola del gas al distributore di Pigliacampo. Il benzinaio gli avrebbe dovuto scalare una somma di venti euro perché il giorno prima non era riuscito a fare rifornimento per un malfunzionamento all’impianto.  Di fronte alla richiesta avanzata dal figlio, Pigliacampo avrebbe insultato il ragazzo che a quel punto avrebbe chiamato il padre. Quest’ultimo a sua volta avrebbe discusso telefonicamente con Pigliacampo, decidendo successivamente di recarsi al distributore per chiarire, facendosi accompagnare da una coppia di amici che, dopo averlo lasciato sul posto, sarebbe andata via. Arrivato alla pompa di benzina, però, sempre secondo quanto dichiarato dal 38enne, Pigliacampo gli si sarebbe avvicinato con fare minaccioso e a quel punto, istintivamente, gli avrebbe sferrato un pugno e l’uomo sarebbe caduto sbattendo la testa. Ma perché scappare invece che soccorrerlo? Il rom avrebbe risposto di essersi spaventato. «Mi sono allontanato perché ho avuto paura» avrebbe detto al pm. Le telecamere all’esterno dell’impianto non sono funzionanti e l’aggredito, al momento, non può fornire la sua versione. Una vicenda sulla quale dovrà far luce la Procura di Teramo visto che testimoni non ce ne sono.

Condividi su:
Cologna – Benzinaio aggredito, il rom: “Sono fuggito, ho avuto paura” - panoramica

Sintesi: Non ci sono riprese dalle videocamere di sorveglianza

Tags

Articoli simili

1 Comment

  1. ndonio
    ndonio luglio 15, 12:46

    ma vai a cagare tu e l avvocato

    Reply to this comment

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Tercas-notte-musei
pubblicità