VeraTV

 Ultime notizie

Omicidio Chiaravalle – Lettera di minaccia all’imputato, detenuti: “A lui ci pensiamo noi”

Omicidio Chiaravalle – Lettera di minaccia all’imputato, detenuti: “A lui ci pensiamo noi”
novembre 30
13:20 2019

Nel corso del processo per l’omicidio della 85enne Emma Grilli, spunta una lettera scritta da due detenuti ai familiari dell’anziana uccisa a coltellate intenzionati a fare giustizia per quel brutale assassinio. “Adesso a lui ci pensiamo noi”, è stato scritto in un foglio in busta poi intercettata dalla polizia penitenziaria.

La vicenda è emersa in Corte di Assise dove si sta celebrando il processo a carico di Maurizio Marinangeli, il cuoco accusato del delitto di Emma Grilli, sua vicina di casa, trovata morta la mattina del 17 luglio 2018. A parlare della lettera è stato il fratello dell’imputato, Marco Marinangeli, sentito come teste della difesa. Ha riferito come durante una visita al fratello fatta in carcere gli aveva notato ferite sopra uno zigomo. “Mi disse che era stato picchiato da due foggiani in cella”, ha detto il parente aggiungendo che gli stessi l’avrebbero obbligato a dare loro l’indirizzo di casa della donna morta. Da qui l’associazione dai due aggressori agli autori della missiva. “La lettera fu intercettata – ha dichiarato il testimone – e a noi disse tutto l’avvocato che allora difendeva mio fratello”.

All’episodio si è interessata la polizia penitenziaria. In aula ad Ancona oggi sono stati sentiti anche altri testimoni chiamati dalla difesa, rappresentata dagli avv. Raffaele Sebastianelli e Emiliano Carnevali. Il figlio 17enne dell’imputato ha testimoniato in forma protetta. I difensori hanno chiesto e ottenuto che alla prossima udienza siano mostrate le fedi vendute al compro oro di Falconara perché sarebbero diverse da quelle avute dalla vittima

Condividi su:
Omicidio Chiaravalle – Lettera di minaccia all’imputato, detenuti: “A lui ci pensiamo noi” - panoramica

Sintesi: Nell'udienza di oggi sono stati ascoltati altri due testimoni. Della lettera con minacce si sta interessando la Polizia Penitenziaria

Tags

Articoli simili

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti al momento, vuoi inserirne uno?

Inserisci un commento

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Banner Terca 300×250
pubblicità