VeraTV canale 79

Il Pd: “Basta guerriglie provinciali. Almeno Alessandro Marini ha messo la sua faccia in una lista concorrente”

Il Pd: “Basta guerriglie provinciali. Almeno Alessandro Marini ha messo la sua faccia in una lista concorrente”
novembre 22
14:55 2021

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non si abbassa la temperatura attorno al Pd sambenedettese, dopo il brutto risultato alle scorse elezioni.

Un nutrito gruppo di tesserati ha così scritto una lettera in merito alle polemiche degli ultimi giorni. La firma è di Roberto Giobbi, Giuseppe Savini, Diana Palestini, Antonio Marcelli, Elisa Marzetti, Mario Neroni, Luigi Fazzini, Salvatore Pesce, Camillo Carminucci, Sandro Rocchetti, Romano Costantini.

“Abbiamo letto in questi ultimi giorni commenti sulle elezioni  sambenedettesi da parte di esponenti del partito che, pur non  essendosi mai visti in campagna elettorale, sostengono che se vi avessero partecipato sarebbe andata meglio. Quel “se” è già una  risposta implicita” scrivono. Ricordando che la segreteria comunale dello scorso 18 novembre ha ribadito fiducia totale nella Segreteria Comunale e quindi in Claudio Benigni, i firmatari aggiungono: “Non pensiamo, infatti, che un singolo circolo dell’entroterra abbia un tale potere condizionante, mentre si è parlato di diverse figure apicali di rilievo del Pd territoriale, Pesaro compreso, che  non hanno sostenuto come sarebbe stato lecito attendersi il Pd di  San Benedetto e la sua coalizione, contribuendo a determinare,  talvolta alla luce del sole e sotto traccia altre volte, divisioni e sconfitte”.

“Riteniamo sia giunta l’ora di chiudere la stagione del “Divide et  impera“, la tattica che da decenni viene utilizzata in questo territorio per far fiorire fedeli capibastone a discapito dei militanti – continuano – Tanto di cappello perciò, si fa per dire, a chi come Alessandro Marini ha deciso di metterci la faccia, assumendosi la  responsabilità di candidarsi a sostegno di una lista e di un  candidato avversi a quelli espressi dal Partito Democratico e che per questo è in attesa del giudizio. Conoscendo il rispetto che i  dirigenti provinciali hanno dello Statuto del Partito Democratico, siamo certi che lo applicheranno con la massima sollecitudine,  pena non solo l’alterazione dei risultati negli imminenti congressi  ma anche la ripetizione futura di analoghi comportamenti ostili  alle decisioni delle varie istanze del Partito”.

“Nel mentre, a tutti quelli che si aspettano le nostre dimissioni perché così avrebbero fatto, vorremmo chiedere se le stesse richieste sono state avanzate dopo le cocenti sconfitte di Ascoli,  Monteprandone o della Regione Marche, ma sembrerebbe che in tali occasioni fossero distratti o impegnati altrove. Dopo Ascoli, Castel di Lama, Monteprandone, la Regione Marche e San Benedetto del Tronto ci si chiede quanti altri enti dovranno pagare il conto delle guerriglie provinciali, prima di  mettere mano al metodo di gestione del partito, un metodo insano  che mai come in questo caso è sostanza. Un partito, che lo  vogliamo ricordare, deve rappresentare i cittadini e non garantire  il “poltronificio“, come giustamente denunciò tempo addietro,  Nicola Zingaretti” concludono.

  

Articoli simili

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Non ci sono commenti al momento, vuoi inserirne uno?

Inserisci un commento

Inserisci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Banner Su 79 c’è VeraTV 300×250
Banner Tercas 300×250
DonneGlamour.tv 300×250
Scarica APP